Europa 2020

La strategia per il nuovo QCS 2014 - 2020

5 obiettivi che l'UE è chiamata a raggiungere entro il 2020
La strategia Europa 2020 punta a rilanciare l'economia dell'UE nel prossimo decennio.

In un mondo che cambia l'UE si propone di diventare un'economia intelligente, sostenibile e solidale. Queste tre priorità che si rafforzano a vicenda intendono aiutare l'UE e gli Stati membri a conseguire elevati livelli di occupazione, produttività e coesione sociale.
Iniziative prioritarie:

  • Economia intelligente
  • Economia sostenibile
  • Economia solidale


In pratica, l'Unione si è posta cinque ambiziosi obiettivi – in materia di occupazione, innovazione, istruzione, integrazione sociale e clima/energia – da raggiungere entro il 2020. Ogni Stato membro ha adottato per ciascuno di questi settori i propri obiettivi nazionali. Interventi concreti a livello europeo e nazionale vanno a consolidare la strategia.  
1.    Occupazione

  1. innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni)

2.     R&S / innovazione

  1. aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo ed innovazione al 3% del PIL dell'UE (pubblico e privato insieme)

3.     Cambiamenti climatici /energia

  1. riduzione delle emissioni di gas serra del 20% (o persino del 30%, se le condizioni lo permettono) rispetto al 1990
  2. 20% del fabbisogno di energia ricavato da fonti rinnovabili
  3. aumento del 20% dell'efficienza energetica

4.     Istruzione

  1. riduzione degli abbandoni scolastici al di sotto del 10%
  2. aumento al 40% dei 30-34enni con un'istruzione universitaria

5.     Povertà / emarginazione

  1. almeno 20 milioni di persone a rischio o in situazione di povertà ed emarginazione in meno

L'esecutivo presenta anche "sette iniziative faro per catalizzare i progressi relativi a ciascun tema prioritario":

•    Unione dell'innovazione per migliorare le condizioni generali e l'accesso ai finanziamenti per la ricerca e l'innovazione, facendo in modo che le idee innovative si trasformino in nuovi prodotti e servizi tali da stimolare la crescita e l'occupazione.
•    Youth on the move per migliorare l'efficienza dei sistemi di insegnamento e agevolare l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro.
•    Agenda europea del digitale per accelerare la diffusione dell'internet ad alta velocità e sfruttare i vantaggi di un mercato unico del digitale per famiglie e imprese.

•    Europa efficiente sotto il profilo delle risorse per contribuire a scindere la crescita economica dall'uso delle risorse, favorire il passaggio a un'economia a basse emissioni di carbonio, incrementare l'uso delle fonti di energia rinnovabile, modernizzare il nostro settore dei trasporti e promuovere l'efficienza energetica.
•    Politica industriale per l'era della globalizzazione onde migliorare il clima imprenditoriale, specialmente per le PMI, e favorire lo sviluppo di una base industriale solida e sostenibile in grado di competere su scala mondiale.

•    Agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro onde modernizzare i mercati occupazionali e consentire alle persone di migliorare le proprie competenze in tutto l'arco della vita al fine di aumentare la partecipazione al mercato del lavoro e di conciliare meglio l'offerta e la domanda di manodopera, anche tramite la mobilità dei lavoratori.
•    Piattaforma europea contro la povertà per garantire coesione sociale e territoriale in modo tale che i benefici della crescita e i posti di lavoro siano equamente distribuiti e che le persone vittime di povertà e esclusione sociale possano vivere in condizioni dignitose e partecipare attivamente alla società.

Europa 2020 in Italia

Raccomandazioni specifiche per Paese.
Le raccomandazioni specifiche per Paese sono documenti elaborati dalla Commissione europea per ciascun paese, l'analisi della situazione economica e fornire raccomandazioni sulle misure da adottare nel corso dei prossimi 12 mesi. Sono su misura per le problematiche specifiche dello Stato membro si trova ad affrontare e coprono una vasta gamma di argomenti: lo stato delle finanze pubbliche, le riforme dei sistemi pensionistici, le misure per la creazione di posti di lavoro e per combattere la disoccupazione, l'istruzione e le sfide dell'innovazione, ecc. L'adozione finale di raccomandazioni specifiche per paese elaborati dalla Commissione è fatto al più alto livello da parte dei leader nazionali in seno al Consiglio europeo.
Raccomandazioni proposte per Italia 2012
Per il 2012, l'attività economica in Italia avrà una contrazione del 1,4%, e un graduale recupero nel 2013. Il tasso di disoccupazione è previsto in ulteriore aumento al 9,5% quest'anno e del 9,7% nel 2013.
Nei mesi scorsi, la risposta politica di garantire la solidità delle finanze pubbliche e affrontare italiani carenze strutturali di lunga data è stata determinata e di ampio respiro. E ha affrontato una serie di settori tra cui la fiscalità, le pensioni, la concorrenza nei mercati dei prodotti e dei servizi, il contesto imprenditoriale, l'efficienza della pubblica amministrazione e di recente, il mercato del lavoro.
L’Italia continua ad affrontare sfide importanti e serie in diversi settori. Il dualismo in termini di sviluppo economico tra il Nord e il Sud rimane una preoccupazione costante. La piena attuazione della strategia di risanamento del bilancio è un bisogno pressante. La debole posizione competitiva esterna necessita di un migliore allineamento dell'evoluzione dei salari e della produttività. Un carico fiscale pesante sul lavoro influenza negativamente offerta e domanda di lavoro. Ridurre l'evasione fiscale e migliorare la conformità richiedono ulteriori azioni determinate. Partecipazione al mercato del lavoro e tassi di occupazione sono ancora bassi, in particolare per i giovani, le donne ei lavoratori anziani. La qualità complessiva del sistema di istruzione e formazione non è soddisfacente, con alti livelli di dispersione scolastica e la scarsa partecipazione alla formazione continua. Lacune infrastrutturali di rilievo e la mancanza di concorrenza nelle industrie di rete, in particolare quelle energetiche e dei trasporti, ostacolano l'attività economica. Il contesto economico non è favorevole alla crescita a causa di inefficienze amministrative, regolamentari onerosi e di debolezza significativi nel sistema di giustizia civile.
Panoramica delle raccomandazioni

  1. Attuare la strategia di bilancio come previsto e garantire che il disavanzo eccessivo sia corretto per il 2012. Il rapporto debito-PIL cominci a diminuire entro il 2013. Garantire l'obiettivo di medio termine del bilancio, ridurre il debito. 
  2. Introdurre la norma del fiscal compact (pareggio di bilancio) nella Carta Costituzionale. Perseguire un miglioramento duraturo dell'efficienza e della qualità della spesa pubblica e attuazione il Piano d'azione di coesione 2011 che porta a migliorare ll’utilizzo e la gestione dei fondi comunitari, in particolare nel Sud Italia.
  3. Prendere ulteriori iniziative per affrontare la disoccupazione giovanile, anche migliorando il mercato del lavoro la qualità dell'istruzione e facilitare la transizione al lavoro, anche attraverso incentivi per la creazione di imprese e per l'assunzione di lavoratori. Applicare a livello nazionale il riconoscimento delle competenze e qualifiche per promuovere la mobilità del lavoro. Adottare misure per ridurre e combattere i tassi di abbandono scolastici.
  4. Adottare la riforma del mercato del lavoro come priorità per affrontare la segmentazione del mercato del lavoro e creare un sistema integrato di indennità di disoccupazione. Prendere ulteriori iniziative per incentivare la partecipazione al mercato del lavoro delle donne, in particolare attraverso la fornitura di assistenza all'infanzia e agli anziani. Per rafforzare la competitività dei costi, rafforzare il legame tra salari fissati a livello settoriale e produttività grazie a ulteriori miglioramenti dei salari, in un quadro di accordi tra le parti sociali.
  5. Portare avanti la lotta contro l'evasione fiscale. Perseguire l'economia sommersa e il lavoro irregolare, ad esempio il rafforzamento dei controlli. Intraprendere misure per ridurre il campo di applicazione delle esenzioni fiscali, sussidi e delle aliquote IVA ridotte e semplificare le norme tributarie. Prendere ulteriori iniziative per spostare l'onere fiscale dal capitale e lavoro alla proprietà e al consumo così come l'ambiente.
  6. Attuare le liberalizzazioni adottate e le misure di semplificazione nel settore dei servizi. Adottare ulteriori misure per migliorare l'accesso al mercato delle reti d’imrpese, aumentare la capacità delle infrastrutture e delle interconnessioni.
  7. Semplificare ulteriormente il quadro normativo per le imprese e rafforzare la capacità amministrativa. Migliorare l'accesso agli strumenti finanziari, in particolare ai finanziamenti per il patrimonio netto, per la crescita e l'innovazione. Attuare la riforma della giustizia civile e promuovere l'uso di meccanismi alternativi per la risoluzione delle controversie.